I modelli

Il  primo organetto l’ho costruito usando le soniere di altri organetti comprati d’occasione.

Mi sono ispirato ad un organetto Castagnari che possiede mio cognato da più di 20 anni. Era il primo che ho suonato e anche che ho smontato per capirci qualcosa.

I legni che uso per le casse armoniche sono per ora: il noce, il ciliegio, l’acero, la betulla. Ma ce ne sono molti altri tipi che voglio provare, tutti legni della valle gesso. Per esempio il sorbo, il melo, il pero, il cirmolo e altri ancora.

Nelle parti interne invece uso il faggio per i tasti e la meccanica, alcune parti in castagno e altre in ciliegio.

Le soniere invece che sono l’anima dell’organetto da cui si propaga il suono sono oggetto di grandi esperimenti...
In questo momento sono molto concentrato sul suono e il buon funzionamento dello strumento,
dai tasti al mantice ai registri vari.